FederASMA e ALLERGIE

 

PROMOSSO DA

CON IL PATROCINIO DI

FederASMA e ALLERGIE
Italian Academy of Rhinology LSocietà Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica Società Italiana per le Malattie Respiratorie Infantili

 

Smog estivo, umidità, temperature alte?

Preveniamo e curiamo rinosinusiti, tonsilliti e asma anche d’estate.

Una guida per proteggere l‘apparato respiratorio con i consigli per un respiro a prove d’estate e tutte le istruzioni per un uso corretto dei dispositivi anche in tempi di pandemia

Speciale Estate in città e aerosolterapia

Scarica la Guida-Vademecum “Speciale Estate in Città e Aerosolterapia. Smog estivo, umidità e temperature alte compromettono il buon respiro e non attenuato le allergie”, per proteggere il buon respiro e conoscere tutti i dispositivi per l’aerosolterapia utili per curare il sistema respiratorio anche d’estate.

Imparare a prevenire e gestire le patologie respiratorie nemiche della nostra salute anche d’estate, si può.

 

Da FederAsma e Allergie Odv con il patrocino di IAR (Accademia Italiana di Rinologia), SIAIP (Società Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica), SIMRI (Società Italiana per le Malattie Respiratorie Infantili)

Questa iniziativa è resa possibile grazie al contributo non condizionato di Chiesi Italia, filiale italiana del Gruppo Chiesi. logo Chiesi

Guida-Vademecum Speciale Estate in Città e Aerosolterapia. Smog estivo, umidità, temperature alte compromettono il buon respiro e non attenuano le allergie. Aerosolterapia: istruzioni per un uso corretto dei dispositivi adatti in tempi di pandemia”

Scarica qui il leaflet informativo- Vademecum Allergie e Aerosolterapia ai tempi del Covid-19 “Prevenire, riconoscere i sintomi, non smettere le terapie”  

 

 

 


Un Respiro di Salute

Vai alle campagne precedenti
Rassegna stampa al 5 mag 2020
Rassegna stampa al 30 set 2019
Rassegna stampa al 22 mag 2019
Rassegna stampa al 21 gen 2019

Convivere con l’Asma - FAQ

 

Perché è utile tenere un diario?

Perché, specialmente quando l’asma non è controllata, consente di annotare i sintomi, la terapia, e osservazioni generali. Grazie alle notizie registrate sul diario, si può valutare l'effettivo andamento del proprio stato di salute e l'efficacia della terapia senza farsi influenzare da sensazioni soggettive. Con questa modalità è più facile tenere sotto controllo segni e sintomi.

 
Un paziente asmatico può praticare sport?

Sì, compatibilmente con il proprio grado di asma. Anche se l’esercizio fisico è considerato uno dei comuni fattori scatenanti, per un paziente affetto da asma è importante praticare attività fisica, così come per tutti. Bisogna solo praticarlo con moderazione. Un buon riscaldamento riduce i rischi.

 
Quali sono gli sport più consigliati per chi soffre d’asma?

Alcuni tipi di esercizi, la corsa per esempio, hanno più probabilità di esporre le vie aeree ad ampi volumi di aria secca e scatenare l’asma, mentre attività di resistenza come nuoto, sci di fondo, yoga hanno meno probabilità di indurre l’asma. Anche l’aerobica è un’attività consigliabile, perché permette di allenarsi in sessioni e a intensità diverse. Oltretutto l’aerobica permette di sviluppare la capacità di respiro e del cuore.

 
Posso viaggiare con l’asma? Ci sono paesi che devo evitare?

Si può andare ovunque. Per ogni precauzione, è bene sapere dove è ubicato il pronto soccorso o un ospedale nel luogo dove si va in vacanza.

Prima di partire è opportuno chiedere al proprio specialista quali medicine portare e cosa fare in caso di eventuali problemi.

 
Certe medicine possono scatenare l’asma?

Solo poche medicine possono scatenare l’asma. È bene fare le tutte le verifiche con il medico o con il farmacista, prima di iniziare una nuova terapia. In ogni caso se, dopo una nuova terapia, i sintomi dell’asma peggiorano, bisogna consultare un medico immediatamente.

I più comuni farmaci che possono scatenare l’asma sono: l’aspirina e gli antinfiammatori non steroidei.

I cambiamenti di clima possono causare l’asma?

Durante i temporali si verificano numerosi attacchi d’asma per la frammentazione dei granuli di polline che, più piccoli, facilitano l’ingresso nelle vie aeree delle proteine allergeniche che contengono.

Cosa posso fare per migliorare l’ambiente di casa?

È importante areare i locali anche in inverno e tenere pulito specialmente il pavimento, evitando tappeti, cuscini, poltrone e divani imbottiti, tendaggi pesanti, libri e moquette che attirino la polvere, soprattutto in camera da letto.

 
Se per un certo periodo di tempo non ho sintomi, devo comunque andare dal dottore?

Sì, bisogna andare dal medico con regolarità almeno 2 o 3 volte all’anno, anche se ci si sente bene e non si hanno palesi problemi respiratori.

 
A quali conseguenze vado incontro se trascuro nel tempo i sintomi dell’asma?

L’asma non trattata correttamente può avere gravi conseguenze; in particolare c’è il rischio che la funzione polmonare si possa deteriorare nel corso degli anni e che l’asma possa diventare BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva) quando l’età avanza.

Come posso distinguere tra l’asma grave e la BPCO (Broncopneumopatia cronica-ostruttiva)?

Nei pazienti con asma allergica grave i sintomi possono variare di giorno in giorno e anche nella stessa giornata e si presentano soprattutto nel periodo notturno o nelle prime ore del mattino.

La reversibilità significativa dell’ostruzione bronchiale dopo la somministrazione di broncodilatatori a rapida azione depone in favore di una diagnosi di asma.

La BPCO ha un’insorgenza tardiva, con segni e sintomi lentamente progressivi riferiti dai pazienti che normalmente sono o sono stati fumatori.

Nella maggioranza dei casi la spirometria indica un’ostruzione bronchiale irreversibile o scarsamente reversibile.

 
Che cos’è la brittle asthma?

È un attacco d’asma che fortunatamente capita di rado.

Si manifesta in modo improvviso e violento e che può colpire anche chi non ha mai sofferto di asma o le persone che soffrono da tempo di asma moderata.

Il Numero Verde di FederAsma e Allergie è attivo per Pazienti e famigliari.

Se hai una richiesta scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
un gruppo di medici e altri professionisti volontari saranno a tua disposizione per aiutarti

puoi contattarci anche telefonando:
Numero Verde
dal lunedì al venerdì
dalle 9:00 alle 13:00

 

Vai all'inizio della pagina