FederAsma e Allergie Onlus – Federazione Italiana Pazienti è una Federazione: un’organizzazione di volontariato che dal 1994 riunisce le principali Associazioni italiane di pazienti che sostengono la lotta alle malattie allergiche, dermatite atopica, orticaria e malattie respiratore.

L’impegno rivolto ai bambini e alle loro famiglie è prioritario per la Federazione, in particolare per l’inclusione del bambino allergico e/o asmatico a scuola e permettergli di frequentare la scuola in sicurezza e in un ambiente sano.

Per approfondire clicca qui

L’orticaria è una patologia seria che può essere estremamente dolorosa e colpisce improvvisamente, a volte senza alcun motivo apparente, provocando un profondo disagio in chi ne soffre.

orticaria day

Dalla prima Giornata Mondiale dell’Orticaria, che la Federazione ha lanciato nel 2014, con il tema: Orticaria: sai riconoscerla? molte sono state le conquiste fatte dai pazienti e molto resta ancora da fare. A partire dalla conoscenza dei sintomi, che ancora oggi non sono prontamente conosciuti.
Quest’anno, alla settima edizione della Giornata, che si svolge con il tema UCare, proponiamo un Dialogo a due voci tra la Dottoressa Carmen Montera – e la Sig.ra Daniela Rovere, paziente, per raccontare il burden dell’Orticaria Cronica Spontanea e richiamare l’attenzione affinché ogni persona possa:

• Avere una maggiore conoscenza e consapevolezza per accorciare i tempi della diagnosi
• Ottenere una diagnosi il più possibile tempestiva attraverso centri specialistici
• avere accesso alla cura più appropriata
• non avere limitazioni temporali di accesso alla cura
• avere dei percorsi codificati di accesso urgente presso i centri specialistici
• aumentare la formazione presso farmacisti e medici di medicina generale che sono spesso i primi riferimenti per i pazienti

OCS – riconoscerla, curarla

Guarda il video

Asma Grave
Dal 1999, quando l'asma è stata riconosciuta come malattia cronica e invalidante, grazie all'impegno compatto della nostra Federazione con il supporto della Comunità Scientifica, molti passi avanti sono stati fatti nella ricerca clinica che soprattutto negli ultimi dieci anni ha conseguito grandi risultati che permettono oggi una maggiore personalizzazione e precisione delle cure per l'asma. 
Le evidenze di oggi e le terapie disponibili richiedono oggi interventi per una maggior tutela dei pazienti, prevedendo percorsi adeguati in particolare per i pazienti con asma grave che oggi hanno numerose terapie disponibili cui troppo spesso non hanno possibilità di accesso.
Abbiamo redatto questo documento riassuntivo della posizione condivisa all'interno della nostra rete, partendo come riferimento scientifico dalle Linee Guida GINA (Global Initiative for Asthma), le linee guida per la diagnosi e trattamento dell'asma che rappresentano la fonte più autorevole, diffusa, applicata e che viene aggiornata annualmente da un panel di Specialisti.

SOS Allergie

BONUS ASMA?

Il tanto pubblicizzato BONUS ASMA, in realtà non è altro che la pensione di invalidità che viene corrisposto da quando l’asma (D.M. n. 329/1999) è stata riconosciuta come malattia cronica invalidante alle persone che abbiano un determinato requisito reddituale.
La pensione di invalidità civile, disciplinata dall’art. 12 della L. n. 118/1971, è una prestazione economica riconosciuta ai soggetti che per cause di salute non possono lavorare. In questi casi, infatti, si ha una totale inabilità lavorativa, ossia una invalidità pari al 100%.
Possono farne richiesta tutti i soggetti che abbiano un’età anagrafica compresa tra i 18 anni e i 67 anni. Il limite dell’età anagrafica è dettato dal fatto che, per l’anno, 2021, la pensione di vecchiaia è raggiungibile proprio alla maturazione del 67esimo anno. Per avere diritto al beneficio economico, non si tiene conto della vita lavorativa, nel senso che non bisogna maturare un numero minimo di contributi, poiché l’erogazione dell’assegno è appunto slegato da tale condizione. Per l’anno 2021 la pensione di invalidità è pari a 287,09 euro (nel 2020 era pari a 286,81 euro) ed è concessa per 13 mensilità per un valore annuo di 3.732,17 euro. Esso decorre dal primo giorno del mese successivo a quello della presentazione della domanda per l’accertamento dell’inabilità. La prestazione non è reversibile ai superstiti.
Il limite di reddito personale annuo che consente di aver diritto alla prestazione è pari a 4.931,29 euro per lo stesso anno. Per ottenere il riconoscimento alla pensione di inabilità è necessaria una percentuale di inabilità pari al 100%. Il che equivale a dire che il paziente presenta un’infermità fisica e/o psichica talmente grave da limitare totalmente lo svolgimento di semplici mansioni. Diverso il caso di chi presenta una compromissione del funzionamento psicofisico parziale e con una percentuale di inabilità tra il 74% e il 99%. Per questi pazienti esiste la possibilità di ricevere assegni di assistenza che al raggiungimento dell’età di 67 anni si indicano come assegni sociali sostitutivi.

Asma ed altre malattie respiratorie croniche

Di per sé le forme più lievi di asma e di difficoltà respiratoria non conferiscono il diritto all’assegno di invalidità. Ciò perché stando alle tabelle INPS relative agli stati invalidanti all’asma di tipo estrinseco allergico e intrinseco corrisponde una percentuale massima del 35%. Ne consegue che il diritto all’assegno di invalidità scatta in presenza di comorbilità.
Ciò accade quando due o più patologie coesistono e determinano un sensibile peggioramento delle condizioni di salute del paziente. Si pensi al paziente che soffre di disturbo asmatico e insieme di broncopneumopatia cronica o di tipo ostruttivo. In quel caso l’INPS riconosce un punteggio di inabilità più alto e arriva al 45% in presenza di bronchite asmatica permanente. Laddove invece il paziente presenta una broncopneumopatia asmatica grave matura il diritto ad una percentuale di invalidità che va dal 71% all’80%. In presenza di broncopneumopatia asmatica severa invece il punteggio di inabilità può variare dall’81% al 90%. Il beneficio INPS scatta dunque allorquando l’asma si associa ad altre patologie respiratorie e, nello specifico, quelle appena individuate.


A cura della
Dott.ssa Maria Teresa Laieta

medico del lavoro

Il Numero Verde di FederAsma e Allergie è attivo per Pazienti e famigliari.

Se hai una richiesta scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
un gruppo di medici e altri professionisti volontari saranno a tua disposizione per aiutarti

puoi contattarci anche telefonando:
Numero Verde
dal lunedì al venerdì
dalle 9:00 alle 13:00
Vai all'inizio della pagina