La Federazione già il 23 giugno, data di uscita della prima pubblicazione sul sole24ore della documentazione riguardante i nuovi LEA, ha scritto al Ministro della Salute On.le Lorenzin e al Presidente della Conferenza delle regioni dott. Bonaccini esprimendo profonda contrarietà a quanto già in un primo veloce esame veniva riportato nella tabella di esenzione relativa all’ASMA dove non comparivano più in particolare alcune prestazioni particolarmente importanti quali il calcolo delle IGE sia la riabilitazione respiratoria.


Seppur ringraziamo il Ministero per aver accolto dopo anni di richieste l’inserimento della spirometria semplice e la terapia educazionale per il paziente asmatico e per il paziente a rischio di anafilassi ancora una volta le malattie allergiche non sono state inserite nel decreto per le prestazioni erogate in regime di esenzione.
FederASMA e ALLERGIE Onlus ha quindi inviato una nuova lettera indirizzata in questa occasione anche all’on.le De Biasi Presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato una lettera, sottoscritta da tutte le società scientifiche Italiane di area pneumologica e immuno-allergologica della medicina generale e della pediatria, tutte facenti parte del Comitato Scientifico della Federazione, nella quale si chiede alle Istituzioni in indirizzo di rivedere i nuovi LEA con l’obiettivo di intervenire per l’aggiornamento delle prestazioni previste per l’asma e per l’inserimento nei LEA delle malattie allergiche così come richiesto da Federasma e Allergie Onlus in tutti questi anni auspicando che quanto dichiarato dal Ministro Lorenzin, riguardo la revisione annuale dei LEA, grazie anche alla costituzione di una apposita Commissione, garantisca al più presto, in esenzione, tutte le prestazioni necessarie alla diagnosi controllo e cura delle malattie allergiche e dell’asma tenendo conto anche delle necessità dietetiche che le persone affette da allergia alimentare hanno, con particolare riferimento all’alimentazione speciale per le gestanti che necessitano in quella delicata fase della vita di garantire nutrimento al bambino e all’alimentazione nei lattanti e nei primi anni di vita del bambino con allergia alimentare, al fine di garantire il necessario apporto dietetico e nutrizionale per garantire loro una sana e corretta crescita.
La richiesta della Federazione è che vengano coinvolte nella revisione dei LEA le società scientifiche e la Federazione per un riesame completo di quanto è necessario, per garantire, sulla base delle evidenze scientifiche, le prestazioni necessarie alla prevenzione controllo e cura delle malattie allergiche e respiratorie.

Allegati:

lettera del 23 giugno 2016
[gview file="http://www.federasmaeallergie.org/wp-content/uploads/2016/07/20160623_FAeA_LetteraMinistroSanitAsuiLEA.pdf"]

lettera del 18 giugno 2016
[gview file="http://www.federasmaeallergie.org/wp-content/uploads/2016/07/20160718_FAeA_RichiestaRevisioneNuoviLEA.pdf"]

Il Numero Verde di FederAsma e Allergie è attivo per Pazienti e famigliari.

Se hai una richiesta scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
un gruppo di medici e altri professionisti volontari saranno a tua disposizione per aiutarti

puoi contattarci anche telefonando:
Numero Verde
dal lunedì al venerdì
dalle 9:00 alle 13:00

 

Vai all'inizio della pagina