7. Speciale giovani

Avere l’asma non è uno scherzo. Nei periodi normali, cioè al di fuori delle crisi, non si vede che uno è asmatico, nessuno se ne può accorgere e capire quello che l’asmatico prova. Ma quando la crisi arriva, è una bufera e…che bufera! Per questo è importante sapere che le crisi si possono prevenire ed evitare, conoscendo come la malattia si manifesta e soprattutto riconoscendo che esiste oggi possibilità di cura molto efficaci.

Che cos’è l’asma

L’asma è una malattia cronica dei bronchi causata da una loro infiammazione che provoca mancanza o difficoltà di respiro, tosse, respiro fischiante o sibilante, senso di oppressione al torace.
Per molti giovani e giovanissimi, avere l’asma è un’esperienza vissuta già da vari anni. A volte però, si tratta di una “scoperta” recente, dato che la malattia può presentarsi ad ogni età. Avere l’asma da poco tempo o da molti anni, non cambia la situazione: si hanno gli stessi sintomi e gli stessi problemi.

Da che cosa è causato l’asma e quali sono i fattori che possono scatenarlo?

AllergieRespiratorieSi hanno informazioni sull’asma già prima di 2000 anni fa. Ciononostante la medicina non è ancora in grado di spiegare le cause di questa malattia e perché sempre più persone ne soffrono. I ricercatori di tutto il mondo sono impiegati a studiarne gli aspetti genetici e a valutare il peso dei fattori ambientali, senza risultati del tutto soddisfacenti dal punto di vista scientifico. E’ chiaro soltanto che molto spesso è possibile individuare i fattori che in alcune persone possono peggiorare la malattia o provocare una sua riacutizzazione. La misura del respiro (spirometria e misurazione del picco di flusso espiratorio), gli esami clinici e di laboratorio, l’esperienza diretta del paziente, possono aiutare il medico ad effettuare la diagnosi e ad individuare l’eventuale influenza di fattori scatenanti. La causa più frequente dell’asma è l’allergia. Le infezioni respiratorie sono la causa più frequente di esacerbazione o di scatenamento. Molto spesso l’asma è dovuto alla concomitanza di più fattori. Conoscerli è importante, perché aiuta ad eliminarli o a ridurne l’azione e la pericolosità.

L’asma è una malattia cronica che non va sottovalutata

Quando si ha l’asma si sa che le crisi possono scatenare senza preavviso, in ogni momento: a casa, a scuola, durante le vacanze, durante lo sport o anche in momenti più intimi. Le crisi possono essere molto forti. A volte i sintomi si verificano durante la notte o al mattino presto (asma notturno). Solo chi vive queste situazioni in prima persona può valutare quanto sia importante non farsi prendere alla sprovvista ed essere capaci di reagire prontamente e correttamente.

Trattamento farmacologia dell’asma

Ci sono due tipi di farmaci:

  • I farmaci antiasmatici di fondo sono quelli che vanno presi per evitare l’insorgenza dei sintomi asmatici.
  • I farmaci antiasmatici sintomatici sono quelli che ci aiutano a risolvere i disturbi del respiro quando questi si verificano.

La maggior parte dei pazienti, quelli con asma persistente, assumono normalmente tutti e due i tipi di farmaci.
Le nozioni che si hanno sui farmaci sono spesso insufficienti. Proprio perché l’asma è una malattia seria e cronica, si dovrebbe essere capaci di riconoscere i vari tipi di farmaci, sapere a cosa servono, che effetti hanno, quando e come assumerli. Un comportamento consapevole dovrebbe aiutare nella cura dell’asma e dovrebbe consentire di evitare errori nell’uso dei farmaci prescritti dal medico:

  • è pericoloso non prenderli, così come è altrettanto pericoloso prenderne troppi ed è estremamente dannoso scambiarli.
  • Chi ha l’asma ha sempre con se il broncodilatatore a rapida azione da usare in caso di crisi.

Dispositivi per il trattamento farmacologico dell’asma

AerosolNormalmente i farmaci antiasmatici sono assunti per via inalatoria, perché in tal modo il farmaco agisce direttamente nei bronchi, dove è necessario. In alcuni casi, il medico prescrive compresse o farmaci per iniezione. I nebulizzatori, a volte usati per i bambini o durante le crisi, non sono da preferirsi: oggi si usano le bombolette spray con il distanziatori e gli erogatori di farmaco in polvere. I farmaci antiasmatici ed i dispositivi attualmente esistenti sono numerosi. Il medico le prescrive tenendo conto dei vantaggi che essi presentano a seconda del loro utilizzatore. E’ bene parlare con il medico di ogni problema incontrato nell’uso dei farmaci o degli erogatori. Esistono oggi varie possibilità che consentono di scegliere sia il farmaco, sia il modo di assunzione più adatto al proprio caso.

Ruolo del medico e piano terapeutico

Una volta fatta la diagnosi d’asma, il medico prepara insieme con il paziente un piano terapeutico scritto, con le indicazioni necessari sul da farsi nei periodi “normali”, in caso di peggioramento dei sintomi e soprattutto in caso di crisi o di emergenza. Per facilitare i compiti del paziente, oggi il piano terapeutico viene diviso in tre fasi, ognuna corrispondente al colore del semaforo, come nel codice della strada:

  • il semaforo verde, equivalente a benessere e/o stabilità, indica che si può andare avanti continuando la terapia abituale senza problemi
  • il semaforo giallo equivalente ad un lieve peggioramento, avvisa che si deve fare attenzione
  • il semaforo rosso equivalente ad un peggioramento importante avverte che si è in pericolo.

Il piano terapeutico ha un significato solo se l’asmatico partecipa attivamente per metterlo in pratica. L’autogestione dell’asma non può essere improvvisata, ma richiede una conoscenza approfondita della malattia ed esperienza, che si può acquisire con la registrazione regolare del respiro e l’annotazione attenta dei sintomi e delle circostanze che li provocano.

Asma e studio

Se l’asma è ben curato, non si dovrebbero registrare relazioni con lo studio. Se la malattia influenza negativamente il rendimento, significa che c’è qualcosa che non va nella cura o nella maniera in cui la cura viene eseguita. E’ bene parlarne con il medico.

Asma e sport

Corsa-AsmaIl giovane che ha l’asma se è ben curato può svolgere tutti gli sport, come i suoi coetanei, in funzione delle sue preferenze e attitudini. L’asma non può far rinunciare al proprio sport preferito. Solo gli sport che comportano rischio nel caso di interruzione o di malessere improvviso e quelli che si svolgono in ambienti o in condizioni estreme sono da evitare (deltaplano, paracadutismo, alpinismo d’alta quota, sport motoristici e sport subacquei) – ( vedi Asma e sport).

Asma e tempo libero

Non ci dovrebbero essere limitazioni. Non tutti i fattori scatenanti purtroppo sono evitabili. Tra questi, esiste il problema del fumo che può aggravare l’asma e scatena una crisi. Si tratta di un fattore difficile da evitare, perché gli amici fumano, si fuma in pizzeria, in discoteca, etc.
I tuoi amici o compagni possono darti dei suggerimenti per curare i tuoi sintomi. Questi potrebbero essere giusti oppure no. Parlane con il tuo medico.

Chi ha l’asma

  • può condurre una vita normale, purchè segua attentamente e regolarmente le prescrizioni e raccomandazioni del suo medico
  • ha esperienza: sa a che cosa servono i farmaci prescritti e sa quali assumere, come e quando
  • ha sempre con sé i farmaci da usare in caso di bisogno, cioè i broncodilatatori a rapida azione
  • adotta il piano terapeutico individuale fissato dal medico, con le indicazioni scritte su cosa fare nei periodi normali (semaforo verde), in caso di peggioramento dei sintomi (semaforo giallo) o in caso crisi (semaforo rosso)
  • misura e registra giornalmente il suo respiro (con il misuratore del picco di flusso espiratorio-PEF e si sottopone a controlli spirometrici periodici
  • vuole essere informato ed aggiornato sulle “novità” che concernono il suo trattamento
  • ha fiducia, perché sa che oggi esistono cure efficaci che possono aiutarlo a svolgere come tutti gli altri le sue attività quotidiane, compreso l’esercizio fisico e lo sport.

Il Numero Verde di FederAsma e Allergie è attivo per Pazienti e famigliari.

Se hai una richiesta scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
un gruppo di medici, legali e altri professionisti volontari saranno a tua disposizione per aiutarti

puoi contattarci anche telefonando:
Numero Verde
dal lunedì al venerdì
dalle 9:00 alle 13:00
Il nostro numeroverde 800123213 sarà riattivato nelle prossime settimane. Ci scusiamo per il disservizio e in attesa che venga ripristinata la linea potete continuate a scriverci all'indirizzo e-mail o contattarci ai seguenti numeri:
0574 1821033  - 392 7498026 potete inviarci un sms indicandoci numero di tel e orario e vi richiameremo il prima possibile.

 

APP Diario dell'asma
App Diario dell'asma
Disponibile per Android e iOS
App RAPP
App RAP
Disponibile per Android e iOS
App Allergy Control
App Allergy Control
Disponibile per Android e iOS
Vai all'inizio della pagina