5. L'asma sotto i cinque anni di età

L'asma nel bambino può comparire ad ogni età, ma di solito inizia durante i primi anni di vita, sotto i cinque anni di età . La malattia varia notevolmente da un bambino all'altro, per quanto riguarda i sintomi, la frequenza e la gravità delle crisi. Inoltre, la malattia può presentarsi in modo assai diverso nello stessa bambino durante le varie fasi della crescita.

Che cos'è l'asma

Bronchi-asmaLe vie aeree di un bambino con asma sono cronicamente infiammate e molto più reattive del normale e, pertanto, tendono a restringersi facilmente in seguito all'azione di svariati stimoli (soprattutto infezioni ed allergeni). Il restringimento del lume delle vie aeree, dovuto all'infiammazione della parete, riduce il passaggio dell'aria, rendendo il respiro difficile, sibilante o fischiante,e/o provocando tosse. Un'ostruzione acuta del lume e delle vie aeree determina quello che normalmente si chiama una crisi asmatica. Nell'intervallo tra le crisi, la maggior parte dei bambini asmatici non ha alcun sintomo. Se sono presenti sibili, tosse, difficoltà di respiro, ecc., significa che l'asma non è sotto controllo ed è quindi necessario parlarne con il medico.

Come viene diagnosticato l'asma nei primi 5 anni di vita

I bambini piccoli che soffrono d'asma di solito presentano respiro sibilante e una tosse fastidiosa. Si deve sottolineare il fatto che i bambini sani non tossiscono. Se il vostro bambino tossisce in modo fastidioso, soprattutto di notte, o dopo uno sforzo, dovreste sospettare: "E se fosse asma?".


La diagnosi d'asma può essere effettuata sulla base della storia dei sintomi presentati dal bambino, con l'indicazione del periodo in cui si sono verificati. Individuare l'asma nei primi 5 anni di vita può essere difficile, questo perchè:
- Numerosi bambini hanno almeno una volta respiro sibilante durante i primi 5 anni di vita. La maggior parte di questi non avrà mai più problemi respiratori, pertanto i medici preferiscono usare il termine "asma" con molta cautela.
- Non è facile misurare come respira un bambino piccolo perchè gli strumenti che vengono normalmente usati (spirometria e misuratore di picco di flusso) sono adatti solo per i bambini al di sopra dei 5 anni.
A volte il medico riesce a capire la vera natura dei disturbi respiratori del bambino piccolo solo dopo più crisi.

Qual è il metodo migliore per far prendere i farmaci antiasmatici ai bambini

Anche nei primi anni di vita i farmaci per via inalatoria sono preferibili alla via orale (ad esempio sciroppi).

Gli inalatori

Esistono vari tipi di inalatori. I più diffusi sono gli aerosol in bomboletta spray. Ai bambini può venire prescritto un erogatore a polvere secca, quando sono in grado di usarlo.

I distanziatori e aerosol in bomboletta spray

A tutti i bambini di età inferiore a 5 anni deve essere prescritto un distanziatore per il loro aerosol in bomboletta spray. I distanziatori sono importanti perchè permettono l'inalazione del farmaco da parte dei più piccoli, ma devono essere usati con una maschera da appoggiare al volto del bambino. Con questo dispositivo il farmaco raggiungere i polmoni e non si deposita in gola.

I nebulizzatori

Solo in rari casi oggi è necessario usare un nebulizzatore. Per ulteriori informazioni consultare il fascicolo Dispositivo per il trattamento farmacologico dell'asma.

Qualche utili consiglio per usare l'aerosol in bomboletta spray e i distanziatori

  • Fatevi spiegare dal medico o dal personale sanitario come usare, pulire e quando sostituire gli inalatori e il distanziatore che vi hanno prescritto.
  • Presentare il distanziatore e l'aerosol in bomboletta spray come se fossero dei giocattoli.
  • Mostrare al bambino come si usano (senza azionare la bomboletta). Qualche autoadesivo colorato può rendere il distanziatore più interessante agli occhi del bambino e aiutarvi a trasformare l'assunzione del farmaco in un gioco.
  • Un'alternativa può essere quella di dare il farmaco quando il bambino dorme. Il bambino può inalare il farmaco, con il distanziatore e la mascherina appoggiati sul volto.
  • Se il respiro del bambino è in crisi e volete somministrare il broncodilatatore a rapida azione, ricordate che questo può essere inalato anche quando il bambino sta piangendo.

E' bene sapere che...

I segnali che l'asma del bambino piccolo non è ben controllato e sta peggiorando sono:

  • Si sveglia di notte o alla mattina con respiro sibilante e tosse
  • I suoi sintomi peggiorano dopo uno sforzo fisico
  • Dovete dargli il broncodilatatore a rapida azione più spesso del solito.

Come parte dello schema terapeutico del bambino piccolo, è importante chiedere in anticipo al medico delle istruzioni scritte su che cosa fare se l'asma peggiora. In questi casi il medico può consigliare di aumentare il trattamento di fondo.

L'asma e il sonno

asma-bimbo-sonnoNon è normale che il bambino si svegli durante la notte con tosse e respiro sibilante. Questo è un segnale che la sua malattia non è ben controllata. I sintomi notturni possono disturbare il sonno di tutta la famiglia e compromettere la qualità della vita perchè durante il giorno il bambino può essere stanco e indolente e i genitori irritabili e di cattivo umore. Bisogna quindi fare di tutto per eliminare i sintomi notturni e normalmente il sonno. Se i sintomi notturni persistono rivolgetevi al medico che potrebbe decidere di cambiare il trattamento.

Che cosa succede durante una crisi asmatica

Durante una crisi asmatica la tosse, il respiro sibilante o la mancanza di respiro peggiorano. Alcuni bambini durante una crisi non riescono a parlare e a mangiare perchè manca loro il respiro. Una crisi si può sviluppare nell'arco di qualche ora o di qualche giorno e spesso compare durante un raffreddore. Una crisi asmatica può mettere in pericolo la vita del bambino, quindi deve essere presa seriamente. una crisi può spaventare, ma sapere come comportarsi può aiutare i genitori o coloro che hanno la cura del bambino a mantenere la calma e a prestare soccorso nel modo migliore. In ogni bambino le crisi asmatiche presentano delle caratteristiche particolari. A volte quindi è possibile riconoscere i segni premonitori (ad esempio, un aumento della tosse) e iniziare un ciclo di terapia prescritta dal medico per prevenire l'insorgenza della crisi.

Che cosa si deve fare durante un'emergenza

bambini-tosse-allergica-rimediLa maggior parte dei genitori imparano a riconoscere una crisi asmatica. E' importante seguire le istruzioni per le emergenze concordate precedentemente con il medico. A grandi linee le regole da osservare in caso di emergenza sono:

  • Chiamate un dottore o un'ambulanza (scegliete la soluzione più veloce) o portate il bambino all'ospedale più vicino
  • Somministrare immediatamente al bambino un broncodilatatore a rapida azione, aspettare da cinque a dieci minuti e ripetere l'operazione fino a quando la respirazione migliora o fino a quando arriva il medico
  • Tenete o fate sedere il bambino in posizione eretta. La posizione distesa può risultare meno comoda.

Raccomandazioni per chi si occupa di un bambino asmatico

Molti genitori con bambini piccoli lavorano o studiano. Trovare una persona qualificata a cui affidare il proprio bambino, specialmente se asmatico, non è facile. Ci si può rivolgere ad un familiare, ad una baby-sitter, ad un asilo nido, ad una scuola materna, ma occorre assicurarsi che gli vengano somministrati regolarmente i farmaci e che gli educatori sappiano come comportarsi durante un'emergenza. E' importante quindi fornire a coloro che si occupano di bambini asmatici chiare istruzioni scritte sul da farsi, in particolare in caso di emergenza.

L'asma e il fumo passivo

Asma-fumoEsiste spesso una predisposizione ereditaria alla comparsa dell'asma, ma ci sono altri fattori che possono favorire la comparsa dell'asma nel bambino. Ad esempio, il fumo della madre durante la gravidanza aumenta la probabilità che il bambino diventi asmatico. I bambini asmatici di genitori che fumano spesso hanno sintomi più gravi. I familiari non dovrebbero quindi mai fumare nei luoghi dove vive il bambino.

L’asma e l’esercizio fisico

L’asma che compare a seguito di una attività fisica non è causata dalla sudorazione, ma invece è dovuta al fatto che, quando si aumenta di molto la frequenza del respiro, si può avere una perdita notevole di calore e umidità nei bronchi: nei bambini asmatici questo fenomeno scatena l’asma. Ad un bambino asmatico è quindi permesso praticare lo sport?asma-sport

Numerosi atleti hanno conseguito importanti vittorie nelle competizioni sportive, anche alle olimpiadi, pur avendo l’asma. Quindi l’asma bronchiale non preclude l’attività fisica anche agonistica. Se accuratamente gestito, lo sport permette al bambino con asma una qualità di vita ottima, che non si limita alla sfera fisica, ma che coinvolge la sfera emotiva, producendo nel bambino una aumentata autostima e nella famiglia una diminuzione dell’ansia. Va ricordato che l’esercizio fisico praticato in età scolare è di indiscutibile importanza per i suoi effetti positivi sul benessere fisico e mentale e tra gli effetti più interessanti c’è anche il suo influsso sullo sviluppo dei volumi respiratori polmonari.
Pediatra e medico sportivo possono fornire utili orientamenti per la scelta dello sport da praticare e per la appropriata gestione dell’asma.

Quale sarà l'evoluzione dell'asma del bambino?

Tutti i genitori vorrebbero sapere se l'asma del bambino scomparirà, ma non ci sono evidenze che permettano di dare una precisa indicazione. In linea generale, se il bambino ha sviluppato i sintomi molto presto ci sono più probabilità che l'asma scompaia in età scolare, mentre i bambini che sviluppano l'asma più tardi (dai tre ai cinque anni) o che hanno una storia familiare di allergie, tendono ad essere effetti dalla malattia anche durante gli anni della scuola, ma possono superarla nell'adolescenza.
In un caso su tre l’asma tende a ricomparire dopo i 20 anni tanto più quanto più la persona adotta stili di vita poco salutari. Ad esempio l’abitudine al fumo facilita la ricomparsa.

Con le cure attuali l'asma del bambino può guarire?

bimbi-sportAttualmente, nella maggior parte dei casi, con le cure attuali l'asma non può essere guarito, ma può essere ben controllato. Grazie alla ricerca le cose potranno cambiare nel futuro. I ricercatori stanno studiando la malattia su diversi fronti, in particolare, negli ultimi anni, si stanno cominciando a conoscere i geni che predispongono alla comparsa dell'asma. Non solo si sta cercando un modo per guarire dalla malattia, ma anche di migliorare il trattamento e la qualità della vita dei bambini asmatici.

L’ITS é attualmente l’unico modo per ridurre la risposta allergica nel paziente

I risulatati vanno a seconda dell’allergene in causa e della risposta individuale, ma quando le indicazioni dello specialista sono rispettate correttamente, l’esito a distanza é per lo più favorevole e gli effetti collaterali scarsi o nulli.

Il Numero Verde di FederAsma e Allergie è attivo per Pazienti e famigliari.

Se hai una richiesta scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
un gruppo di medici, legali e altri professionisti volontari saranno a tua disposizione per aiutarti

puoi contattarci anche telefonando:
Numero Verde
dal lunedì al venerdì
dalle 9:00 alle 13:00
Il nostro numeroverde 800123213 sarà riattivato nelle prossime settimane. Ci scusiamo per il disservizio e in attesa che venga ripristinata la linea potete continuate a scriverci all'indirizzo e-mail o contattarci ai seguenti numeri:
0574 1821033  - 392 7498026 potete inviarci un sms indicandoci numero di tel e orario e vi richiameremo il prima possibile.

 

APP Diario dell'asma
App Diario dell'asma
Disponibile per Android e iOS
App RAPP
App RAP
Disponibile per Android e iOS
App Allergy Control
App Allergy Control
Disponibile per Android e iOS
Vai all'inizio della pagina