4. Asma e fattori scatenanti

Le conoscenze attuali della medicina non consentono di sapere qual è la causa primaria dell’ asma e fattori scatenanti, molto spesso tuttavia il medico può aiutare il paziente ad individuare il fattore (o i fattori) che può aggravare i sintomi o scatenare una crisi. Conoscere questi fattori è indicativo, perché in tal modo chi ha l’asma può attuare un’utile prevenzione, evitandoli completamente, quando è possibile, oppure adottando opportune misure per ridurre i rischi. 

Conoscere e prevenire asma e fattori scatenanti

asma-perchePerché ho l’asma? Da che cosa dipende la mia malattia? Cosa provoca i sintomi che sento? Queste sono le legittime domande che il paziente pone al medico nel momento in cui apprende la diagnosi di asma. Questa può avvenire a seguito di una crisi scatenata all’improvviso oppure dopo un periodo più o meno lungo durante il quale i sintomi sono stati variabili, sono apparsi con frequenza irregolare, oppure si sono manifestati in corrispondenza di situazioni o circostanze particolari. L’esperienza del paziente e la sua storia sono elementi fondamentali che aiutano il medico a definire il tipo d’asma, la sua gravità, nonché la natura dei fattori che possono aggravarla o provocare una crisi - questi si chiamano fattori scatenanti. Anche se l’asma si manifesta in modo assai diverso da persona a persona, i principi del trattamento farmacologico che il medico prescrive, nell’ambito di un piano terapeutico personalizzato, hanno una validità generale: una volta che l’asma diventa persistente a tutti è prescritta una combinazione di farmaci antiasmatici di fondo e di farmaci antiasmatici sintomatici variabile e adattata in funzione della gravità della malattia (vedi Primo passo: conoscere la malattia). Le prescrizioni mediche sono inoltre accompagnate da raccomandazioni per la prevenzione individuale, che aiutano il paziente ad eliminare o allontanare i fattori scatenanti o a ridurne la loro nocività. Alcuni suggerimenti possono essere seguiti da tutti gli asmatici, tra questi in particolare ha una valenza generale la lotta contro il fumo attivo e passivo. In molti casi, invece, le raccomandazioni mediche riguardano morme igienico-sanitarie che sono valide solo per le persone asmatiche, per le quali è provata l’influenza di uno o più agenti specifici. In questo fascicolo sono fornite alcune misure di prevenzione che riguardano le persone asmatiche, per le quali la malattia è provocata da:

  • infezioni
  • allergie
  • medicine

[Tweet "L' #asma è provocata da #infezioni #allergie #medicine"]Le raccomandazioni utili in caso di asma da sforzo, in caso di asma professionale e in caso di asma aggravato in particolari momenti della vita della donna, sono fornite in altri fascicoli specifici (Asma e sport, Asma e lavoro, Asma e condizioni della donna).

Asma e infezioni

InfezioneLe comuni infezioni virali dell’apparato respiratorio (ad esempio il raffreddore e l’influenza ) sono la causa più frequente di scatenamento di crisi asmatiche. I primi segnali di asma sono raffreddori ripetuti che durano più a lungo e “scendono ai bronchi” dando la tosse. Purtroppo attualmente è possibile prevenire solo l’influenza, eseguendo regolarmente ogni anno la vaccinazione antinfluenzale che è raccomandata in tutti i pazienti asmatici.

Asma e allergeni

Se il nemico é l’acaro (asma e polvere domestica)

AcariLa polvere domestica é un miscuglio di sostanze estremamente diverse tra loro. L’allergene principale contenuto in essa é quello degli acari domestici. Nel mondo gli acari domestici sono il principale allergene che può indurre l’asma. Essi sono invisibili a occhio nudo e si nutrono delle squame della nostra pelle presenti nell’ambiente domestico. In questi ultimi 50 anni ci sono state diverse trasformazioni nell’arredamento e nella costruzione delle case che hanno favorito la proliferazione degli acari, in particolare:
- l’aumentato uso della moquette nell’arredamento;
- il riscaldamento centralizzato, per cui anche le camere da letto sono tenute
temperatura ottimale per l’accrescimento degli acari.
Per queste ragioni la concentrazione degli acari nelle nostre case é enormemente aumentata.
Gli acari eliminano nell’ambiente allergeni di diametro 10-40u, cioé tele da penetrare facilmente nelle vie aeree superiori (naso, ecc.) e inferiori (laringe, trachea, bronchi). Più sono numerosi gli acari nell’ambiente domestico maggiore é la quantità di allergeni che essi liberano nell’ambiente.Queste sostanze vanno in sospensione nell’aria ad ogni minima corrente anche solo causata dal camminare su un tappeto o dal girarsi nel letto.

Prevenzione dell’asma indotto dagli acari

Agli asmatici allergici agli acari il medico consiglia di ridurre le popolazioni di acari che vivono in casa, creando condizioni ambientali ad essi sfavorevoli:
rimedi-acari- areando giornalmente a lungo la camera da letto
- esponendo a sole le lenzuola, i cuscini, le coperte ed il materasso
- lavando frequentemente le lenzuola e le federe ad una temperatura di almeno 60°.
Anchele coperte del letto vanno lavate frequentemente, se possibile una volta al mese.
- usando fodere particolari per coprire materasso e cuscini che non lasciano passare
gli acari
- eliminando gli altri oggetti che “raccolgono” la polvere (per esempio, peluche)

Asma e animali domestici

animaliIn alcuni asmatici gli amici dell’uomo possono essere un nemico. Se in casa vivono animali (cani, gatti, piccoli roditori, ecc.) nella polvere di casa si troveranno potenti allergeni: derivati dalla loro saliva, dalle loro urine, dalla loro pelle. In questi casi, é logicamente fondamentale allontanarli da casa.

Asma e pollini

Quando il nemico arriva in primavera!
Conoscere-AsmaIl polline é una particella molto piccola che ha il compito di formare e trasportare i gameti dai fiori maschili a quelli femminili affinché possa avvenire la fecondazione e si formi un nuovo individuo. Alcune piante, chiamate anemofile, affidano al vento il compito del trasporto, mentre altre, le entomofile, lo affidano agli insetti.
Normalmente nell’atmosfera italiana si possono identificare oltre 80 tipi diversi di polline appartenenti a circa 50 famiglie botaniche.
Non tutti i pollini sono in grado di provocare l’asma, i principali nemici in Italia sono le graminacee e la parietaria.

Calendario pollinico

Ogni specie ha un caratteristico periodo di fioritura che é in parte dipende dalle condizioni climatiche dell’ambiente in cui la pianta vive. Così nel territorio italiano la presenza dei pollini varia notevolmente da nord a sud.
Le graminacee sono rappresentate da numerosissimi generi che liberano il polline durante la primavera e l&rs quo;estate, anche se alcune, come la gramigna delle vie, può fiorire in tutti i mesi dell’anno. La pollinazione di parietaria raggiunge i valori massimi durante la primavera e dopo il periodo secco estivo. In molte regioni meridionali, a causa delle particolari condizioni climetiche, spesso questo polline viene rilevato in quantità notevoli anche nei primi mesi dell’anno.

Prevenzione dell’asma indotto dai pollini

allergie-pollini-460x250E’ importante che gli asmatici allergici ai pollini, nei quali i sintomi sono presenti o peggiorano durante il periodo dell’anno in cui la pianta libera i suoi pollini nell’aria (periodo di fioritura), conoscano il periodo di pollinazione della pianta a cui sono allergici e non si facciano trovare impreparati ai primi sintomi della malattia. Durante quel periodo eviteranno di recarsi nelle zone ove quella pianta si trovi in particolare concentrazione (ad esempio, un allergico alle graminacee dovrebbe evitare le passeggiate nei prati e non dovrebbe essere presente alla falciatura di un prato).
In casa é preferibile mantenere le finestre chiuse nelle prime ore del mattino e della sera, orari che coincidono in genere con le massime concentrazioni di polline.

Asma e farmaci

Alcuni asmatici possono essere intolleranti all’aspirina e agli altri antiinfiammatori non steroidei (FANS), ad alcune compresse per la pressione sanguigna e ad alcuni colliri per il glaucoma. Il consiglio del medico specialista é indispensabile in questi casi per mettere in atto le dovute precauzioni.
farmaci-asmaMolto spesso i familiari, gli amici, i colleghi, ecc. forniscono suggerimenti e consigli per prevenire le crisi asmatiche. Possono essere utili oppure no, parlatene con il vostro medico. Immunoterapia iposensibilizzante specifica.
Si tratta di una terapia (inesattamente detta “vaccino”) consistente nella somministrazione di dosi crescenti di allergene, che dura alcuni anni. Va prescritta dallo specialista dopo attenta valutazione clinica in pazienti asmatici allergici, monosensibili, in fase iniziale della malattia, nei quali sia stato identificato con esattezza l’allergene.

L’ITS é attualmente l’unico modo per ridurre la risposta allergica nel paziente

I risultati vanno a seconda dell’allergene in causa e della risposta individuale, ma quando le indicazioni dello specialista sono rispettate correttamente, l’esito a distanza é per lo più favorevole e gli effetti collaterali scarsi o nulli.

Come fare per ridurre l’esposizione a fattori scatenanti l’asma

- Vaccinazione antinfluenzale ogni anno
- Smettere di fumare, evitare che altri fumino dove vive un asmatico
- Eliminare nella misura del possibile i fattori scatenanti individuati dal vostro medico, seguendo attentamente le sue raccomandazioni.

Il Numero Verde di FederAsma e Allergie è attivo per Pazienti e famigliari.

Se hai una richiesta scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
un gruppo di medici, legali e altri professionisti volontari saranno a tua disposizione per aiutarti

puoi contattarci anche telefonando:
Numero Verde
dal lunedì al venerdì
dalle 9:00 alle 13:00

 

APP Diario dell'asma
App Diario dell'asma
Disponibile per Android e iOS
App RAPP
App RAP
Disponibile per Android e iOS
App Allergy Control
App Allergy Control
Disponibile per Android e iOS
Vai all'inizio della pagina