Il 23 febbraio 2015 si è tenuto a Roma presso il Ministero della Salute in Via Ribotta 5 il Workshop  “Inquinamento atmosferico interno e salute nelle scuole italiane”

Federasma e Allergie Onlus,  impegnata da anni su questo tema,  partecipa alla tavola rotonda "come migliorare la qualità dell’aria negli ambienti scolastici" dalle ore 14,50 alle 16,00

In questi ultimi anni la Commissione Europea ha promosso e finanziato importanti progetti sull’ inquinamento indoor nelle scuole, per migliorare le conoscenze in tale problema e favorire la riduzione dei casi di malattie respiratorie e asma infantile in Europa. Le esperienze europee hanno visto coinvolti in prima linea gruppi di ricerca italiani. In questo Workschop si discute dello studio pilota HESE (il primo importante progetto europeo sui problemi di salute legati all'inquinamento dell'ambiente scolastico), dei progetti SINPHONIE e SEARCH (che rientrano nel piano d’azione europeo su Ambiente e Salute 2004-2012) e dello studio RESPIRA (un progetto biennale sviluppato nell’ambito del Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia-Malta). Gli studi europei evidenziano la stretta relazione tra esposizione ad inquinanti indoor e comparsa di sintomi respiratori ed allergici nell’infanzia. La sintomatologia descritta può compromettere in modo significativo la qualità della vita dei bambini e il loro rendimento scolastico. Il Ministero della salute, in linea con l’iniziativa europea, ha finanziato attraverso il CCM, il Progetto nazionale “Esposizione ad inquinanti indoor: linee guida per la valutazione dei fattori di rischio in ambiente scolastico e definizione delle misure per la tutela della salute respiratoria degli scolari e degli adolescenti -“Indoor School”. Il progetto (2010-2013), coordinato dall’Istituto Sanitario della Sanità, ha realizzato uno studio sulla esposizione di alunni e personale scolastico (delle scuole primarie e secondarie di primo grado) agli inquinanti indoor e valutato le relazioni esistenti tra tale esposizione e gli effetti sulla salute, con lo scopo di migliorare le conoscenze epidemiologiche in tale ambito e facilitare l’applicazione delle “Linee di indirizzo per la prevenzione nelle scuole dei fattori di rischio indoor per allergie ed asma”, di cui all’ Accordo in Conferenza Unificata del 18 novembre 2010. Nello studio, rappresentativo della realtà italiana, sono state coinvolte 10 Unità Operative, selezionate nelle tre macro-aree: Nord, Centro, Sud e sono state incluse le scuole di 7 Regioni italiane: Lombardia, Friuli, Toscana, Lazio, Puglia, Sardegna, Sicilia. I risultati che verranno presentati nel corso di questo workshop confermano le evidenze epidemiologiche di studi sia nazionali sia europei e forniscono un quadro conoscitivo sulla qualità dell’aria nelle scuole italiane ed i relativi rischi per la salute respiratoria degli studenti; forniscono inoltre evidenze scientifiche dei vantaggi che può offrire una strategia di promozione della salute nelle scuole, garantendo ambienti favorevoli alla salute e promuovendo una vasta gamma di programmi per l’educazione e l’informazione del personale scolastico, degli studenti e delle loro famiglie.

[wpdm_package id='755']

Il Numero Verde di FederAsma e Allergie è attivo per Pazienti e famigliari.

Se hai una richiesta scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
un gruppo di medici e altri professionisti volontari saranno a tua disposizione per aiutarti

puoi contattarci anche telefonando:
Numero Verde
dal lunedì al venerdì
dalle 9:00 alle 13:00

 

APP Diario dell'asma
App Diario dell'asma
Disponibile per Android e iOS
App RAPP
App RAP
Disponibile per Android e iOS
App Allergy Control
App Allergy Control
Disponibile per Android e iOS
Vai all'inizio della pagina