FAeA

Convivere con l’Asma - FAQ

 

Perché è utile tenere un diario?

Perché, specialmente quando l’asma non è controllata, consente di annotare i sintomi, la terapia, e osservazioni generali. Grazie alle notizie registrate sul diario, si può valutare l'effettivo andamento del proprio stato di salute e l'efficacia della terapia senza farsi influenzare da sensazioni soggettive. Con questa modalità è più facile tenere sotto controllo segni e sintomi.

 
Un paziente asmatico può praticare sport?

Sì, compatibilmente con il proprio grado di asma. Anche se l’esercizio fisico è considerato uno dei comuni fattori scatenanti, per un paziente affetto da asma è importante praticare attività fisica, così come per tutti. Bisogna solo praticarlo con moderazione. Un buon riscaldamento riduce i rischi.

 
Quali sono gli sport più consigliati per chi soffre d’asma?

Alcuni tipi di esercizi, la corsa per esempio, hanno più probabilità di esporre le vie aeree ad ampi volumi di aria secca e scatenare l’asma, mentre attività di resistenza come nuoto, sci di fondo, yoga hanno meno probabilità di indurre l’asma. Anche l’aerobica è un’attività consigliabile, perché permette di allenarsi in sessioni e a intensità diverse. Oltretutto l’aerobica permette di sviluppare la capacità di respiro e del cuore.

 
Posso viaggiare con l’asma? Ci sono paesi che devo evitare?

Si può andare ovunque. Per ogni precauzione, è bene sapere dove è ubicato il pronto soccorso o un ospedale nel luogo dove si va in vacanza.

Prima di partire è opportuno chiedere al proprio specialista quali medicine portare e cosa fare in caso di eventuali problemi.

 
Certe medicine possono scatenare l’asma?

Solo poche medicine possono scatenare l’asma. È bene fare le tutte le verifiche con il medico o con il farmacista, prima di iniziare una nuova terapia. In ogni caso se, dopo una nuova terapia, i sintomi dell’asma peggiorano, bisogna consultare un medico immediatamente.

I più comuni farmaci che possono scatenare l’asma sono: l’aspirina e gli antinfiammatori non steroidei.

I cambiamenti di clima possono causare l’asma?

Durante i temporali si verificano numerosi attacchi d’asma per la frammentazione dei granuli di polline che, più piccoli, facilitano l’ingresso nelle vie aeree delle proteine allergeniche che contengono.

Cosa posso fare per migliorare l’ambiente di casa?

È importante areare i locali anche in inverno e tenere pulito specialmente il pavimento, evitando tappeti, cuscini, poltrone e divani imbottiti, tendaggi pesanti, libri e moquette che attirino la polvere, soprattutto in camera da letto.

 
Se per un certo periodo di tempo non ho sintomi, devo comunque andare dal dottore?

Sì, bisogna andare dal medico con regolarità almeno 2 o 3 volte all’anno, anche se ci si sente bene e non si hanno palesi problemi respiratori.

 
A quali conseguenze vado incontro se trascuro nel tempo i sintomi dell’asma?

L’asma non trattata correttamente può avere gravi conseguenze; in particolare c’è il rischio che la funzione polmonare si possa deteriorare nel corso degli anni e che l’asma possa diventare BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva) quando l’età avanza.

Come posso distinguere tra l’asma grave e la BPCO (Broncopneumopatia cronica-ostruttiva)?

Nei pazienti con asma allergica grave i sintomi possono variare di giorno in giorno e anche nella stessa giornata e si presentano soprattutto nel periodo notturno o nelle prime ore del mattino.

La reversibilità significativa dell’ostruzione bronchiale dopo la somministrazione di broncodilatatori a rapida azione depone in favore di una diagnosi di asma.

La BPCO ha un’insorgenza tardiva, con segni e sintomi lentamente progressivi riferiti dai pazienti che normalmente sono o sono stati fumatori.

Nella maggioranza dei casi la spirometria indica un’ostruzione bronchiale irreversibile o scarsamente reversibile.

 
Che cos’è la brittle asthma?

È un attacco d’asma che fortunatamente capita di rado.

Si manifesta in modo improvviso e violento e che può colpire anche chi non ha mai sofferto di asma o le persone che soffrono da tempo di asma moderata.

PSP- Patient Support Program - Mepolizumab

L’azienda produttrice del farmaco per l’asma eosinofilico refrattario severo, ha attivato un Programma di Supporto al Paziente, ”Aria di casa”, che prevede la somministrazione domiciliare del farmaco a cura di personale sanitario.

In alcuni centri questo progetto era già stato attivato, e consentiva anche di ovviare ai problemi di possibili sovraffollamenti e ritardi nelle somministrazioni, superare i problemi legati a percorrenza di lunghe distanze per raggiungere i centri. Oggi si unisce anche l’esigenza di cercare di non sovraccaricare gli ospedali già impegnati in questa situazione emergenziale ed evitare ai pazienti, già fragili, l’accesso a strutture ospedaliere spesso in prossimità di centri covid-19.

Queste le caratteristiche del servizio offerto gratuitamente ai pazienti dei centri che hanno attivato il PSP:

  • La somministrazione domiciliare avviene a cura di infermieri specializzati ed è rivolta a pazienti in terapia con Nucala da almeno 6 mesi/1 anno d’intesa con i centri specializzati
  • Il PSP non interferirà con il programma di visite stabilito dallo specialista
  • Un Provider esterno, di provata esperienza, curerà l’erogazione del servizio (somministrazione domiciliare, supporto telefonico e piattaforma informatica dedicata a pazienti e specialisti ad es. per la pianificazione dei trattamenti, ecc.)
  • Nessun dato sensibile sarà accessibile all’azienda produttrice GSK

Federasma e Allergie – Federazione Italiana Pazienti Odv, con cui il programma "Aria di casa" è stato condiviso sin dalla sua nascita, resta a disposizione per eventuali segnalazioni da parte dei pazienti e dei medici.

Numero Verde 800 123 213 – dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9 alle ore 13

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Segnaliamo il supporto dello Sportello d’ascolto e di sostegno per l’emergenza, attivato per il superamento dell’emergenza covid-19

http://www.federasmaeallergie.org/sitoFA/covid19/index.html

DLG 18 - Art. 046 sospensione licenzamenti

(Sospensione delle procedure di impugnazione dei licenziamenti)

 

1. A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto l’avvio delle procedure di cui agli articoli 4, 5 e 24, della legge 23 luglio 1991, n. 223 è precluso per 60 giorni e nel medesimo periodo sono sospese le procedure pendenti avviate successivamente alla data del 23 febbraio 2020. Sino alla scadenza del suddetto termine, il datore di lavoro, indipendentemente dal numero dei dipendenti, non può recedere dal contratto per giustificato motivo oggettivo ai sensi dell’articolo 3, della legge 15 luglio 1966, n. 604.

Il Numero Verde di FederAsma e Allergie è attivo per Pazienti e famigliari.

Se hai una richiesta scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
un gruppo di medici e altri professionisti volontari saranno a tua disposizione per aiutarti

puoi contattarci anche telefonando:
Numero Verde
dal lunedì al venerdì
dalle 9:00 alle 13:00

 

Vai all'inizio della pagina